fbpx

Sei emotivamente intelligente su LinkedIn?

Molte persone che si avvicinano a LinkedIn pensano di non “essere abbastanza” e si limitano a condividere articoli di altri, non coltivando il loro profilo personale.

Spesso vediamo anche atteggiamenti “a gamba tesa” via messaggio privato come questi:

“Salve sono un’avvocato cosa posso fare per lei?”

oppure

“Grazie di aver accettato la connessione come posso aiutarla?”

Quando ricevo questi messaggi mi verrebbe da dire: “mi faccia 3 etti di salame e mezzo kilo di ricotta”… perché mi sembra di essere entrata dal salumiere.

Molti si morderanno le labbra amaramente leggendo questo articolo ma… quando qualcosa brucia vuol dire che stai reagendo.

Il segreto per essere emotivamente intelligenti

Lo psicologo Wignall ci spiega che:

“Molte persone pensano all’intelligenza emotiva come a un’abilità, qualcosa che puoi costruire e allenare con la pratica.
Mentre questo è in parte vero, c’è una verità più profonda sull’intelligenza emotiva che a molti di noi sfugge”

Quindi va allenata ma c’è anche un ingrediente in più, come spiega Wignall, per esempio per riconoscere una persona con intelligenza emotiva ancora non sviluppata al massimo troviamo:

  • persone che incolpano le altre persone per i loro problemi;
  • persone che si intrappolano in cicli di stress e ansia;
  • persone che si auto-sabotano non appena iniziano a fare progressi.

Sono le cattive abitudini che bloccano la nostra intelligenza emotiva, quindi se godiamo nel proporci a gamba tesa con il cliente perché ci da quella botta di adrenalina, dobbiamo cambiare tattica.

Esagerare sempre per cambiare e migliorare

Si lo so tu sei un venditore provetto e cono 30 anni che fai questo mestiere, chi sono io per contraddirti?

Te lo spiego: sono quella che durante il COVID-19 continua a prendere clienti mentre tu sei a casa perché non puoi fare il porta a porta (a gamba tesa).

Adesso si che sei arrabbiato/a… ma a me piace così, devo stimolare qualcosa dentro di te. Altrimenti come potrebbe avvenire il cambiamento?

Adesso che mi odi abbastanza, prova a pensare che:

  1. se avessi avuto un sistema digitale per trovare nuovi contatti, ora staresti lavorando o per lo meno, tessendo rapporti da trasformare in contratti finita la quarantena
  2. avresti potuto battere i concorrenti avendo un sistema alternativo di acquisizione clienti
  3. durante gennaio e febbraio avresti potuto risparmiare in benzina e casello trovandoti diverse centinaia di euro in più nel conto…come? semplice, avendo fatto solo appuntamenti con persone interessate perché le avevi contattate prima su LinkedIn

Come ti senti adesso?

Ok hai due scelte:

  • Prendi la pillola blu e la storia finisce. Ti svegli nel tuo letto e puoi convincerti che è stato un sogno.
  • Prendi la pillola rossa e resti nel Paese delle Meraviglie e ti mostro quanto è profonda la tana del Bian Coniglio inizia il tuo viaggio testando il tuo profilo LinkedIn qui.

Cortocircuiti emotivi: l’intelligenza dietro gli errori | Daniela Lucangeli | TEDxMilano

Se hai scelto la pillola rossa devi vedere questo TEDx e se non sei ancora iscritto al canale, fallo ora, fidati la tua vita cambierà.

Entra in contatto con me

Se vuoi comprendere meglio come utilizzare i Social Media per la tua professione, contattami per ricevere maggiori informazioni.

Ricevi gli aggiornamenti su questo blog

SEGUIMI sui SOCIAL

Copyright Valentina Vandilli -  Tutti i diritti sono riservati - P.IVA: IT 12694421004